Urso e Pellicanò nei primi 16 a Vercelli

Dopo la sciabola, è il turno della spada per la 1^ Prova Gran-Prix ”Joy of Moving” Under14.
Sulle pedane di Caresanablot (Vercelli) la prima giornata – Sabato 7 Dicembre – è iniziata con la categoria ”Ragazzi”.
Alessandro Beneduci del Club Scherma Cosenza, autore di tre vittorie su sei al girone, non riesce a superare il primo incontro di eliminazione diretta, attestandosi così al 136° posto.
Al centro MATTIA URSO con Alessandro Beneduci e il Tecnico Marco Perri
Poche ore dopo ha preso il via la categoria ”Giovanissimi”, con Mattia Urso del Club Scherma Cosenza e Gabriele Serpieri dell’Accademia della Scherma Reggio Calabria.
Lo spadista cosentino parte subito forte, dominando il suo girone (6 vittorie). Prosegue incontrastato fino agli ottavi di finale. Bravissimo Mattia: 10° Classificato su 177 atleti!!
Il reggino, fresco vincitore della prova di Foggia, paga invece un girone negativo, che gli causa un tabellone difficile. Gabriele conclude al 121° posto, dopo aver comunque superato un turno.
Gabriele Serpieri
Mariachiara Pellicanò
A seguire, nella categoria ”Ragazze”, è bravissima anche Mariachiara Pellicanò dell’Accademia della Scherma Reggio Calabria, che eguaglia il rendimento di Urso, giungendo anche lei agli ottavi di finale. Quattro vittorie al girone e tre dirette superate il suo score, che valgono una notevolissima 13^ posizione finale su 122 ragazze!!
Nella giornata di domenica – 8 Dicembre – Francesco Dodaro del Club Scherma Cosenza nella categoria “Allievi” è autore di un buon avvio di gara con quattro vittorie su cinque assalti, che gli consente di accedere direttamente al secondo turno di diretta; Francesco non riesce però a confermarsi e si classifica 72°.

Per la rappresentanza arbitrale, presenti a Vercelli i nazionali Mattia Angotti e Giacinto Scarpino.

Il trittico delle Prove Nazionali Under14 si concluderà a La Spezia fra pochissimi giorni, con molti fiorettisti calabresi impegnati.

Precedente La sciabola lametina in evidenza a Lucca Successivo Cordoglio per la Fam. Perri di Cosenza