Casale Monferrato: lo sciabolatore Ezio Palmieri decimo tra i Cadetti

Dopo i Campionati Italiani a Squadre di Reggio Emilia, dove, due settimane fa, le sciabolatrici Alessandra Lucchino, Carla Alessi, Sofia Giovannone e Lorenza Tarsitano del Circolo Scherma Lametino hanno chiuso ottave la loro gara mantenendo la serie A2, la scorsa settimana a Casale Monferrato sono stati disputati i Campionati Italiani Master (individuali e a squadre) e la Coppa Italia Cadetti e Giovani.

A rompere il ghiaccio gli spadisti Master del Club Scherma Cosenza, Francesco La Regina e Mauro Monteforte, rispettivamente cat. 1 e 2, presenze costanti alle gare del Circuito Master di questa stagione agonistica. La Regina ha ottenuto una sola vittoria al girone (sfiorandone una seconda) e si è fermato alla prima diretta; un po’ meglio Monteforte, che ha portato a casa due assalti al girone e la prima diretta ma non è andato oltre il tabellone dei 64.

Monteforte e La Regina con il Tecnico Perri

Appena il tempo, poi, di ingranare il lungo weekend di prove della Coppa Italia Cadetti e Giovani che è subito giunto il bel risultato di Ezio Palmieri del Circolo Scherma Lametino, 10° posto (su 81) nella sciabola: dopo un girone quasi perfetto, ha gestito al meglio le dirette, fermandosi per una manciata di stoccate ad un passo dagli 8 e collezionando il miglior piazzamento tra gli atleti calabresi presenti in ciascuna delle discipline, oltre che l’importante qualificazione ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani che si disputeranno a Lecce. Nella omologa gara femminile e con gli stessi colori sociali, la prova migliore (perlomeno sufficiente ad entrare nei 32) è stata quella di Sofia Giovannone, che è riuscita ad avanzare sconfiggendo alla diretta la compagna Carla Alessi e piazzandosi 30^ su 61 – più in basso in classifica anche Lorenza Tarsitano, Chiara Gigliotti e Clara Buccinnà -.

Ezio Palmieri – Circolo Scherma Lametino

Tra le Giovani, l’unica lametina Claudia Failla è stata sconfitta al primo assalto eliminatorio per una sola stoccata, classificandosi comunque 18^ su 24.

Per la spada Cadetti, sebbene fuori dall’élite più ristretta della classifica, senz’altro da menzionare Gustavo Valente e Lorenzo Gaudio (Club Scherma Cosenza), che hanno condotto una gara brillante evidenziandosi con un 81° e 88° posto e staccando di molto gli altri atleti calabresi – gli accademici reggini Demetrio Pellicanò, Alessandro Fonte, Domenico Licastro e Nicola Morante, purtroppo fermi ai gironi –: notevole, considerato l’alto numero di partecipanti (298). Gaudio ha sottolineato così la buona performance ottenuta anche nel fioretto (57° su 150) durante la prima giornata di competizioni.

Valente e Gaudio con i Tecnici Perri e Bruno (Foto Trifiletti / Bizzi Team)

Stop ai gironi infine per le partecipanti in entrambe le categorie di spada femminile (la Giovane Alessandra Villa, e le Cadette Giulia Simone e Asia Pellicanò dell’Accademia della Scherma RC).

Gli atleti dell’Accademia della Scherma RC (Foto Trifiletti / Bizzi Team)

Jessica Borrello

 

 

Precedente Da Castrolibero a La Spezia: Coppa Italia, Trofeo CONI e Gran Prix di fioretto Successivo Tempo di Coppa Italia